Ponte Alpini “ingabbiato”, Rampelli (FdI) a sindaco: «più Bassano, meno grappa»

«Messaggio urgente per il vicesindaco di Bassano del Grappa Roberto Campagnolo da consegnare al sindaco Riccardo Poletto: più Bassano, meno grappa!». Fabio Rampelli (FdI), vicepresidente della Camera dei deputati, sceglie l’ironia per rispondere al vicesindaco di Bassano del Grappa Roberto Campagnolo che l’aveva criticato per la presa di posizione a tutela integrale del famoso ponte degli Alpini.

«Il ponte – continua Rampelli -, in base a un progetto allucinante probabilmente proposto dal Comune e purtroppo vidimato dalla sovrintendenza (adesso vedremo cosa risponderà il ministro Bonisoli, che ho sentito per i necessari approfondimenti) è stato rivestito di acciaio. Anche a me può capire di camminare per via dei Fori Imperiali senza rendermi conto di avere davanti il Colosseo ma mai mi verrebbe in mente di restaurarlo ingabbiandolo con una maglia di acciaio. Ed è quello che è stato fatto a Bassano del Grappa da amministratori sprovveduti che, probabilmente non avendo studiato adeguatamente, non hanno capito quale sia l’importanza di questo ponte e quale fosse l’importanza del restauro per salvaguardarlo nelle sue caratteristiche fondamentali».

«Il messaggio che invio agli amministratori è intanto di studiare di più, poi di fare ogni azione per riscattare questo scempio magari mettendo in campo un progetto diverso che possa smontare la struttura in acciaio e restituire il ponte agli italiani tutti, non solo i cittadini di Bassano, esattamente come fu realizzato in modo tale che possa tornare a suscitare quei sentimenti romantici e sublimi tanto da ispirare note canzoni», conclude Rampelli. (a.mat.)

(ph: imagoeconomica)