Immigrati italiani linciati dalla folla: New Orleans si scusa dopo 128 anni

14 marzo 1891, New Orleans, Louisiana: 11 immigrati italiani vennero massacrati dalla folla inferocita. Le vittime erano state accusate per l‘omicidio del capo della polizia locale David Hennessy. Quando al termine del processo otto di loro furono giudicati non colpevoli, una folla di 8mila cittadini assaltò il carcere dove erano detenuti, facendo giustizia sommaria degli immigrati, che vennero impiccati e fucilati.

All’epoca divenne la mattanza divenne un caso diplomatico tra Stati Uniti e Italia, risolto con il risarcimento alle famiglie delle vittime da parte del presidente Benjamin Harrison. Solo oggi, però, arrivano le scuse ufficiali della città alla comunità italoamericana. Contattato dall’organizzazione “Order Sons of Italy in America“, il sindaco LaToya Cantrell ha accettato la proposta: il 12 aprile chiederà scusa a nome della città, 128 anni dopo il linciaggio. (r.a.)