«Rifiuti proibiti, in Veneto troppi capannoni vuoti usati dalle mafie»

Il comandante generale dei carabinieri del Noe Maurizio Ferla lancia l’allarme sui capannoni vuoti e invita i cittadini a segnalare per tempo eventuali casi sospetti. È recente il caso di Asigliano Veneto, nel Basso Vicentino, ma sono molti altri i casi di capannoni vuoti trasformati dalle mafie in magazzini per discariche abusive. Come riporta Francesco Furlan sul Mattino di oggi a pagina 17, Ferla spiega che nel Veneto ci sono «troppi capannoni dismessi» che «diventano magazzini di rifiuti proibiti». In molti casi se il capannone non è sicuro viene dato alle fiamme provocando pericolose nubi tossiche. «Cittadini e Comuni  – è l’appello di Ferla – siano sentinelle sul territorio». (t.d.b.)

(In foto, il capannone trovato ad Asigliano, ph: Guardia di Finanza Vicenza)