“Noi che credevamo in BpVi”: «non ci hanno fatto leggere bozza decreto»

Noi che credevamo in BpVi” è una delle due associazioni che ha detto di no al decreto salva-sbancati di cui hanno discusso oggi con il premier conte e il ministro Tria (clicca qui per leggere). Il presidente Luigi Ugone spiega il motivo: «non ci hanno fatto leggere la bozza, ci hanno descritto qualcosa. Non avendo visto nulla, non mi prendo la responsabilità di firmare».

L’altra associazione che ha chiesto più tempo e di visionare la bozza è il Coordinamento Don Torta. «Non sappiamo come andrà avanti la questione. Al momento i numeri del Mef non sono chiari ma restiamo aperti al confronto se vi fossero gli spazi», conclude Ugone. (a.mat.)

Fonte: Adnkronos

Tags: