Venezia, animalisti: «nido gabbiani distrutto da dipendenti Regione»

«Un odioso atto di vandalismo a danno di animali è stato commesso da due dipendenti della Regione Veneto». E’ questa la denuncia di Centopercento Animalisti. L’associazione animalista spiega che a Venezia, nella sede di Palazzo Sceriman una coppia di gabbiani aveva nidificato a terra, nel cortile interno del palazzo che ospita gli uffici della Regione. Nel nido c’era anche un uovo.

«La settimana scorsa – continua l’associazione – un impiegato, senza nessun motivo, ha fatto sparire l’uovo. Il giorno dopo lo stesso individuo ha schiacciato un secondo uovo, deposto dopo il primo. Ma, quel che è peggio, un altro dipendente con posizione di un certo rilievo, ha distrutto il nido, e se ne è pure vantato. Queste azioni sono sintomo di cattiveria e ignoranza. I gabbiani sono specie protetta dalla Legge 157/92; i nidi si possono rimuovere solo in casi di effettiva necessità, dietro autorizzazione della Provincia e seguendo precise procedure».

E per chi lamenta l’eccessiva presenza di gabbiani nelle aree urbane, Centopercento animalisti ricorda che «questi animali hanno dovuto cambiare il loro modo naturale di vita in quanto i nostri mari e la Laguna, causa la pesca e l’inquinamento, non hanno più pesci; i gabbiani entrano in città, dove abbondano cumuli di rifiuti dove cercano di che nutrirsi. Come sempre, i danni provocati dagli umani ricadono sugli altri animali, che vengono anche colpevolizzati». (a.mat.)

Tags: ,