«Padova, lo scandalo degli alberi trasformati in sculture»

Il salice monumentale trasformato in scultura fa infuriare gli ambientalisti di Padova. Alessandro Angrilli, portavoce del Comitato Difesa Alberi e territorio, in un comunicato va all’attacco dell’assessore all’Ambiente Chiara Gallani: «non può importargliene meno della scienza, del benessere e del bene comune, della trasparenza, della democrazia partecipata!». Oggetto della contestazione, il «bel salice monumentale (Salix matsudana tortuosa) di almeno 60-70 anni abbattuto alcuni mesi fa» all’incrocio tra via Castelfidardo e via Sorio e «trasformato in una scultura e opera d’arte da artisti» ingaggiati dall’amministrazione comunale.

Stando al Comune «e alcuni cittadini, una tempesta gli aveva rotto una branca», tuttavia «manca una documentazione che mostri il danno, la sua entità e il rischio di questo albero». Al contrario, «una nostra mappatura fotografica del ceppo del salice fatta subito dopo l’abbattimento mostrava che l’albero non aveva carie evidenti sulle branche tagliate. L’artista che ne ha fatto un’opera da street art, scorticando tutto l’albero, ha ammesso candidamente che l’albero è ancora vivo e continuerà a vivere».

Angrilli conclude elencando i motivi che hanno portato alla «rottura del rapporto di fiducia» con la giunta di centrosinistra del sindaco Sergio Giordani: «1) aumento incontrollato degli abbattimenti: oltre un migliaio di grandi alberi, senza preavviso, senza perizie o con perizie incomplete e non scientifiche; 2) messa in atto di quasi tutte le peggiori pratiche del verde (sfalci dell’erba a caso, capitozzature, spalcature e potature frequenti degli alberi che li faranno ammalare e morire) e mancanza totale di trasparenza su tutto l’operato del settore verde; 3) grande spesa di soldi dei cittadini per nuovi impianti di alberi per puri scopi di propaganda, ecologicamente inutili, costosi e delicati, non concertati con i cittadini. Ce n’è abbastanza per fare di Padova una città con gestione del verde da quarto mondo!»

(r.a.)

Tags: ,