«Vicenza, Loggia Valmarana diventa ristorante? Ennesima “cicerata”»

Il consigliere comunale di Coalizione Civica per Vicenza, Ciro Asproso, commenta la notizia uscita sul Giornale di Vicenza che riferisce sullo stato dei lavori di restauro della Loggia Valmarana, e di pulizia della Seriola. Oltre a questo viene riportato che potrebbe essere trasformato in un locale con servizio bar e ristorante. «La proposta, manco a dirlo, viene dall’assessore Cicero che per valorizzare l’immobile non trova niente di meglio che farlo diventare un ristorante – ironizza Asproso -. Ad essere onesti già in passato si era parlato di un punto ristoro, ma sempre all’interno dell’area delle ex serre dove ci sono i padiglioni della vecchia Fiera campionaria. Mai nessuno si era spinto ad usurpare gli ambienti della Loggia di derivazione palladiana che, detto per inciso, è inserita dal 1994 nella lista UNESCO dei Patrimoni dell’umanità».

«Mi chiedo se una città come la nostra non dovrebbe avere ben altre ambizioni, turistiche e culturali, che non far vivere i suoi monumenti appaltandoli a bottegari e mescitori. Loggia Valmarana nasce come punto di ritrovo per intellettuali ed accademici, evitiamo di convertirla nell’ennesima vineria». Per questo motivo il consigliere comunale chiede al sindaco Francesco Rucco «di fornirci una sua opinione in merito all’ennesima “cicerata” e di comunicare anche a noi consiglieri comunali quali siano i progetti in essere per il futuro del Giardino Salvi». (a.mat.)

Tags: ,