Omofobia, Pillon condannato per diffamazione

Il senatore leghista Simone Pillon, imputato a Perugia per diffamazione, è stato condannato a pagare 1500 euro di multa oltre al pagamento delle spese processuali. L’esponente del Carroccio è stato anche condannato al risarcimento dei danni a favore delle parti civili: diecimila euro per Michele Mommi, e 20mila euro per il circolo gay Omphalos.

Pillon è finito a processo per alcune affermazioni del 2014 sulla partecipazione di Omphalos ad un’assemblea in una scuola superiore di Perugia sul tema dell’orientamento sessuale e dell’identità di genere. Il circolo gay lo accusava di aver additato i suoi appartenenti come una sorta di istigatori all’omosessualità. Il senatore leghista ha rivendicato le sue affermazioni e le critiche all’iniziativa ma ha sempre negato di aver indicato gli appartenenti di Omphalos come adescatori di minorenni.

Ecco la reazione di Pillon alla condanna: «difendere le famiglie dall’indottrinamento costa caro. E’ il primo grado, non è la sentenza definitiva. Ci sarà lo spazio per l’appello e la Cassazione. Certo è che se difendere le famiglie che non vogliono che i loro figli siano indottrinati con il gender porta a queste conseguenze penso ci sia un problema serio di libertà d’opinione nel nostro Paese. Rifarei tutto, assolutamente sì». (a.mat.)

Fonte: Adnkronos

(ph: imagoeconomica)

Tags: