Treviso, decreto Salvini taglia fondi: Caritas rinuncia all’accoglienza

I tagli del decreto sicurezza mandano in crisi il sistema dell’accoglienza. A Treviso, Nova Facility, che gestisce i Centri di Accoglienza Straordinaria dell’ex caserma Serena e dell’ex Zanusso di Oderzo, oltre a diverse strutture minori, ha annunciato possibili esuberi fra i 102 dipendenti. Inoltre, Caritas, “cooperativa La Esse” e “Una casa per l’uomo” hanno deciso di non partecipare alla gara della Prefettura per l’assegnazione del servizio di accoglienza dei richiedenti asilo.

Desta preoccupazione il futuro dei profughi, che non verranno più assistiti, rimanendo senza percorsi di integrazione e formazione, con il rischio di finire per strada, senza un posto dove dormire. Come riporta Silvia Madiotto sul Corriere del Veneto – edizione Treviso e Belluno, i sindacati hanno convocato per venerdì e martedì due assemblee con i lavoratori per spiegare la vertenza e confrontarsi sulla sua gestione.

(Ph. Mike Dotta / Shutterstock)