Vicenza, nigeriano prende a morsi agenti. Viminale: «va espulso»

Due agenti della polizia locale hanno avuto bisogno di cure in ospedale in seguito ad un’aggressione avvenuta ieri pomeriggio a Campo Marzo a Vicenza. Un agente, in particolare, ha subito un intervento ambulatoriale per il distacco a morsi di una falange e ne avrà per 30 giorni. Per l’altro la prognosi, sempre per un morso, è di due giorni.

I due agenti, in servizio a Campo Marzo, verso le 18 sono stati chiamati dai militari di ronda, i quali non riuscivano ad immobilizzare un soggetto che rifiutava l’identificazione. L’uomo si è scagliato sui due agenti, aggredendoli a morsi, prima di essere immobilizzato. Nel frattempo una trentina di stranieri ha accerchiato gli uomini della polizia locale e dell’esercito per alcuni minuti, senza che fortunatamente la situazione degenerasse ulteriormente.

Il magistrato ha autorizzato l’arresto dell’aggressore, un nigeriano di 21 anni, in Itala con permesso di soggiorno scaduto per il quale era stata presentata richiesta di rinnovo per motivi umanitari. Processato per direttissima, il Viminale ha fatto sapere che si sta lavorando per un immediato allontanamento dal territorio. (a.mat.)

Fonte: Adnkronos