Monte Pasubio, morto 57enne vicentino: polemiche tra soccorritori

Un uomo di 57 anni di Torri di Quartesolo (Vicenza) ha perso la vita sul monte Pasubio travolto da una slavina mentre percorreva la “via degli eroi”. Il tragico episodio ha avuto ripercussioni anche tra i soccorritori, con il Soccorso alpino che ha accusato in una nota di essere stato avvertito tardivamente dai pompieri. «I vigili del fuoco del comando di Vicenza – si legge in una nota – respingono in modo assoluto le affermazioni fatte dal Soccorso alpino, tramite comunicato stampa, in merito ad un loro tardivo allertamento, addirittura di ore, per la ricerca dell’uomo vittima di un incidente in montagna».

«I vigili del fuoco – prosegue la nota – ricevuta la chiamata, in cui veniva segnalato il mancato rientro dell’uomo, hanno allertato il proprio sistema di soccorso e contestualmente contattato la centrale operativa del SUEM 118, richiedendo specificatamente l’intervento del Soccorso alpino. Tutte le telefonate in ingresso e in uscita nella sala operativa del 115 sono per legge poste sotto registrazione.Dettagliata relazione sarà trasmessa all’autorità giudiziaria per le iniziative di competenza». (t.d.b.)