«Sindaco Este (PD) sbaglia: “Bella ciao” è di tutti gli italiani»

«Sbaglia il sindaco di Este a togliersi il tricolore quando viene cantata “Bella ciao“, canzone partigiana simbolo della Liberazione dal nazifascismo». Il consigliere regionale Piero Ruzzante (Liberi E Uguali, in foto) e il segretario provinciale di Articolo UNO di Padova, Alessandro Tognon, commentano così in una nota congiunta quanto avvenuto in occasione del 25 aprile nel Comune padovano. La prima cittadina, Roberta Gallana, «sbaglia perché “Bella ciao” è il canto di tutti gli italiani, proprio come la Costituzione che è patrimonio di tutti gli italiani e non solo di una parte».

«Non si può mettere il tricolore in contraddizione con “Bella ciao”, dire “o uno o l’altro” – aggiungono Ruzzante e Tognon -. Sono entrambi simboli che appartengono a tutti gli italiani ed anzi non possono stare l’uno senza l’altro, in particolar modo il 25 aprile. Non è un caso – concludono – che “Bella ciao” sia la canzone italiana più conosciuta all’estero». (r.a.)

(Ph. Consiglio Regionale del Veneto)

Tags: ,