«Niente Batman o suore»: ragazza col velo esclusa da palestra

Una ragazza 28enne italiana di origini marocchine è stata esclusa da una palestra di Mirandola, in provincia di Modena, perchè porta il velo. La giovane, che fa l’interprete ed è in Italia da 20 anni, ha deciso di denunciare la vicenda al Comune con una lettera in cui spiega: «il proprietario della palestra si è giustificato dicendo che mi vesto in modo poco occidentale. Quando ho chiesto chiarimenti mi ha risposto che nella sua palestra non iscrive Batman o suore, alludendo al velo che copre il mio capo». Il proprietario ha poi concluso: «mia palestra, mie regole».

La giovane non ci sta e spiega: «conosco la legge, la Costituzione e i suoi principi e precetti. Ciò che mi è successo non ha scusanti». Il Comune di Mirandola ha preso le parti della ragazza assicurando ogni supporto se volesse intraprendere qualche azione per far valere i suoi diritti. (a.mat.)

Fonte: Huffingtonpost

(ph: shutterstock)

Tags: