“Ocean Plastic Revolution”: riciclo creativo per salvare i mari

Portare a nuova vita oggetti che non ci servono più, trasformare materiali di uso comune, rivela particolare creatività e ingegno. Il riciclo è fondamentale nel moderno trattamento degli scarti, previene lo spreco dei materiali potenzialmente ancora utili e riduce il consumo di materie prime; rappresenta una strategia fondamentale nell’uso delle risorse. Da alcuni anni il riciclo creativo ha assunto addirittura dignità artistica fine a se stessa.

Le chiamano universalmente “flip-flops” ma per noi sono le intramontabili infradito di gomma e plastica: ormai un must al mare. Chi potrebbe mai dire che sono uno dei principali responsabili dell’inquinamento nei nostri mari? Eppure è proprio così: si stima che degli 8 milioni di tonnellate di plastica che annualmente si riversano sui nostri oceani, le infradito da sole raggiungano le 90 tonnellate. È nel continente africano, in particolare in Kenya che, le correnti e le maree trasportano continuamente tonnellate di scarpe di plastica, riducendo le spiagge a discarica di rifiuti plastici. Colpa delle “flip-flop”, quelle che oggi possiedono oltre 3 miliardi di persone ai piedi e che causano una lenta e silenziosa crisi ambientale.

A Kiwayu, una piccola isola antistante le coste del Kenya, opera un’impresa sociale che si adopera aumentare la consapevolezza dell’inquinamento marino, occupandosi di ridare vita alle ciabattine di plastica, raccogliendole, pulendole e trasformandole in opere d’arte. Vecchi sandali che si trasformano in colorate e strabilianti sculture, come elefanti e rinoceronti, leoni a strisce e soprattutto animali marini di varie dimensioni: dai piccoli oggetti ai “masterpiece”.

Questo lavoro consente alle famiglie una migliore qualità della vita e la dignitosa consapevolezza di una comunità che riesce anche a salvaguardare l’ambiente in cui vive, ponendo rimedio dove la modernità provoca danni e inviando un chiaro messaggio su come è possibile aiutare il nostro pianeta, i nostri oceani e le persone.

Da qui parte il progetto Ocean Plastic Revolution del Centro Commerciale Palladio che, per primo in Italia, ospiterà una grande selezione di “animali marini”, colorate e strabilianti sculture di squali, delfini, polpi, pinguini e tartarughe. Attorno a questa originale mostra, si svilupperà un intero percorso di sensibilizzazione e attività concrete a favore del riciclo e della salvaguardia marina, che coinvolgeranno il territorio Vicentino, le Istituzioni e le scuole.

La manifestazione, che gode dei prestigiosi patrocini della Provincia di Vicenza e del Comune di Vicenza, si svolgerà dal 4 al 26 maggio presso gli ampi spazi della struttura commerciale ubicata sulla Strada Padana verso Padova, di proprietà di Foruminvest, società leader in Europa nel real estate, gestita dalla società Svicom.

Nel periodo di svolgimento della manifestazione, oltre all’esposizione, saranno sviluppati numerose iniziative diverse e complementari: dalla divulgazione di informazioni a laboratori creativi e formativi curati dalle principali associazioni impegnate in questo ambito come WWF e Legambiente, che coinvolgeranno scuole, famiglie e cittadini, e volte a sensibilizzare e informare il maggior numero di persone possibili riguardo l’importante ed attuale tema della salvaguardia marina; ma ci sarà anche la fase finale di un grande contest creativo lanciato da alcune settimane tra le scuole primarie della provincia; una social challenge nella quale i followers della pagina Facebook del Centro Commerciale e non solo, verranno invitati a partecipare filmando la propria “azione di riciclo creativo” della plastica, ed infine, non mancherà una grande raccolta di tappi di plastica e, naturalmente, di “flip-flops” per fini benefici.

Programma della manifestazione Ocean Plastic Revolution:

già in corso – CONTEST CREATIVO RISERVATO AGLI ISTITUTI SCOLASTICI – RI-ANIMANDO I rifiuti: da un grande problema ad un’enorme opportunità.
Riciclare, riutilizzare e ri-creare.

dal 10 al 26 maggio – Esposizione opere Ocean Sole provenienti direttamente dal Kenya (opere d’arte nate da infradito riciclate)

dal 10 maggio – In Galleria inizia la raccolta tappi e ciabatte dal 4 al 26 maggio Social challenge #palladioplasticrevolution

10 maggio ore 11.00 – conferenza stampa di presentazione ufficiale dell’evento OCEAN PLASTIC REVOLUTION ai media e alla cittadinanza presso il C.C. Palladio

11-12 maggio orario 16.00 -19.00 – Un pianeta da salvare- PER TUTTI – laboratorio ludico informativo

17-18 maggio – CONTEST CREATIVO RISERVATO AGLI ISTITUTI SCOLASTICI – RI-ANIMANDO
I rifiuti: da un grande problema ad un’enorme opportunità. Riciclare, riutilizzare e ri-creare.
orario 10.00-13.00 e 16.00-19.00: le scuole consegnano le loro opere in galleria

18-19 maggio orario 10.00-12.00 e 16.00-19.00 – a cura di Legambiente – PER TUTTI – incontri ludico ed informativi

18-19 maggio orario 16.00 -19.00 – un pianeta da salvare- PER TUTTI – laboratorio ludico informativo

dal 18 al 25 maggio – le creazioni proposte dalle scuole del territorio sono esposte in Galleria e sottoposte a votazione popolare

dal 20 al 24 maggio dalle ore 9.30 alle ore 12.30 – Pianeta Blu – RISERVATO ALLE SCUOLE
Visita guidata alla mostra Ocean Sole e laboratorio (salviamo il pianeta dagli
sprechi e dall’inquinamento dell’oro blu!)

25 maggio orario 16.00 -19.00 – Un pianeta da salvare- PER TUTTI – laboratorio ludico informativo

25-26 maggio orario 10.00-12.00 e 16.00-19.00 – a cura di WWF – PER TUTTI – incontri ludico ed informativi

26 maggio Ore 16.00 – presentazione del Libro “Il Fiume sono io” di Alessandro Tasinato Ore 17.00 premiazione social challenge #palladioplasticrevolution

Ore 17.30 – premiazione contest scuole RI-ANIMANDO
Chiusura della manifestazione

Tags: ,