Miteni, mamme “No Pfas”: «se torna Icig addio bonifica»

L’Arpav e il commissario regionale Dell’Acqua hanno annunciato l’avvio dei lavori per la costruzione della barriera idraulica alla Miteni di Trissino (Vicenza), ma l’associazione “Mamme no Pfas” di genitori delle aree contaminate esige lo smantellamento immediato degli impianti e la conseguente bonifica. «Se Icig rientra nel sito Miteni addio bonifica – si legge in una nota dell’associazione -. Siamo in un paese che fa veramente schifo. Altro che legge sull’autodifesa».

«Si dà risalto a molte cose di contorno, ma la caratterizzazione del sito e la bonifica, a tutela della salute di centinaia di migliaia di veneti non vengono prese in seria considerazione. Se non si procede con lo smantellamento dell’azienda, struttura ed impianti, e non verranno rimossi gli inquinanti dai terreni, – prosegue la nota – essi continueranno a contaminare la falda ed i fiumi. I cittadini sono in attesa anche della Procura, che renda loro giustizia per i danni subiti. La parola indignazione non è sufficiente a descrivere la presa in giro che subiamo. Icig vuole imporre una sua scelta per risparmiare. La barriera idraulica– conclude la nota –  non è bonifica». (t.d.b.)

Tags: ,