Padova, Ghidoni (Lega): «raccolta firme per chiudere Pedro»

E’ notizia di oggi che la Digos ha individuato e perquisito tre militanti del centro sociale Pedro, accusati dell’aggressione avvenuta nella notte del 25 aprile a Padova ai danni dell’ex consigliere comunale leghista Nicolò Calore e Alberto Bortoluzzi, referente provinciale di Casapound (clicca qui per leggere). Il Pedro aveva già ammesso le responsabilità sul pestaggio con un lungo post su Facebook parlando però di «reazione e non di raid» (clicca qui per leggere).

Paola Ghidoni, candidata al Parlamento europeo con la Lega ha dichiarato: «chi giustifica la violenza non merita di gestire spazi pubblici. In Comune lo capiranno? Amo la democrazia e voglio che tutti possano esprimere le loro idee. Ma non sopporto i violenti, perché sono un pericolo per tutti. Se quanto emerso dovesse trovare riscontro, inizieremo una raccolta firme per chiedere all’amministrazione di agire. L’uso di spazi pubblici, cioè di tutti i padovani, non può essere concesso ai violenti». (a.mat.)

(PH: Facebook Paola Ghidoni)