Europee, Monti: «se vincono sovranisti scoppia una guerra»

Sono parole forti quelle usate dall’ex presidente del Consiglio italiano Mario Monti che nella trasmissione di La7 OttoeMezzo ha definito il ministro dell’Interno Matteo Salvini «un ducetto». Ma a margine della presentazione a Roma dell’ultimo libro del giornalista David Parenzo, ha affermato che se le prossime elezioni europee vedranno il trionfo dei sovranisti e lo scioglimento dell’Unione Europea, in Europa potrebbe scoppiare una guerra. «Cambieranno le politiche europee e potrà aggregarsi l’unico obiettivo comune dei paesi sovranisti, che è ridurre di molto i poteri e il ruolo della Unione europea. Questo è lo scenario uno, – ha detto Monti riferendosi a una vittoria dei partiti sovranisti in tutti i Paesi europei e non solo in Italia – che considero il più sfavorevole per tutti. Perché supponendo che vadano alla grande ci sarà prima questa riduzione del ruolo della Unione europea e poi quando questo ruolo sarà stato eliminato, distrutto e raso al suolo, tornerà la guerra in Europa».

«Tutte le bandiere nazionali una volta che saranno state issate per guidare una crociata anti Bruxelles, anti Unione europea, che scopo avranno? Quello che hanno avuto in centinaia di anni e in millenni di storia: rivolgersi l’una contro l’altra. Gli odi che stanno rinascendo qui fra paesi – ha concluso – sono effettivamente un humus molto favorevole». (t.d.b.)

(Fonte: Ilgiornale)

(ph: Shutterstock)

Tags: