Nuoto, lo sport ideale per i vostri figli: ecco perchè

L’estate si avvicina e di conseguenza anche le tanto attese vacanze. L’idea di rilassarsi in riva al mare con la propria famiglia è sicuramente uno dei motivi che aiutano a rendere la giornata lavorativa meno pesante ma qualcosa ti preoccupa. Tuo figlio non sa nuotare e tu saresti molto più tranquillo se prima della partenza imparasse. Non ti preoccupare, non è troppo tardi! Piscina Patronato, infatti, ha organizzato dei corsi di nuoto pensati appositamente per i bambini che inizieranno il 10 giugno.

Secondo la Società Italia Medici Pediatri (Simpe), l’approccio al nuoto per un bambino dovrebbe avvenire il prima possibile. In Italia, ogni anno, sono ancora troppi gli incidenti di annegamento che coinvolgono bambini e ragazzi. Una loro indagine conferma la situazione: 4 bambini su 10 sotto i 14 anni non sanno nuotare ed uno su due ha paura dell’acqua e riesce a malapena a stare a galla. Un corso di nuoto ad hoc può diventare molto importante per evitare difficoltà quando faranno il bagno al mare, al lago o in piscina. Oltre ad essere importante per una questione di sicurezza, il nuoto risulta essere uno degli sport più indicati per i bambini perchè è divertente e favorisce il coordinamento neuromotorio, considerato che richiede di muovere gambe e braccia in modo coordinato e a ritmo del respiro mentre adeguano la propria posizione in acqua.

Per i più piccoli fare attività fisica deve diventare una piacevole abitudine, soprattutto considerato alcuni dati estremamente preoccupanti che il Ministero della Salute ha recentemente diffuso. Solo un bambino delle elementari su dieci svolge attività fisica in modalità e quantità adeguate; uno su cinque fa sport ma non più di una volta alla settimana; quattro su dieci invece dedicano a TV o videogiochi tre ore o più al giorno. Per i ragazzi dagli 11 ai 14 anni le cose non cambiano, anzi. Oltre il 60% trascorre seduto 10-11 ore al giorno. Questi numeri confermano il dilagare di modelli di vita sedentari e dell’obesità: un bambino su tre è almeno in sovrappeso.

Per iscrivere il proprio figlio ad un corso di nuoto, quindi, non esiste un’età giusta ma l’importante è l’approccio. Il bambino, infatti, deve sentirsi a proprio agio, deve percepire queste attività come divertimento e non come forzatura. In questo modo sarà molto più semplice familiarizzare con l’acqua e acquisire le competenze necessarie a muoversi in autonomia. Tutti elementi importanti sui quali si basano i corsi organizzati da Piscina Patronato.

(ph: shutterstock)