Migranti, Sea Watch 3 sfida blocco Salvini: entra in acque italiane

La nave Sea Watch 3 è entrata in acque italiane, infrangendo il blocco imposto da Salvini. Secondo i volontari a bordo la tensione e i disagi sono tali da indurre qualcuno a tentare il suicidio. Da qui la decisione di violare le regole e proseguire verso Lampedusa per sbarcare in un porto sicuro. La Sea Watch 3 con a bordo 47 migranti si trovava a 15 miglia da Lampedusa, al limite delle acque territoriali italiane. Ieri erano state fatte evacuare 18 persone, donne e bambini, per questioni sanitarie. Ma le altre sono rimaste a bordo in attesa di conoscere il proprio destino.

Il ministro dell’Interno Matteo Salvini dal canto suo ribadisce la linea dei “porti chiusi” da parte del governo, mentre fa discutere la proposta contenuta nel decreto sicurezza bis di multare chi aiuta i migranti in mare. La Guardia di Finanza sta raggiungendo la nave. «I porti restano chiusi – ha detto Salvini – Se qualcuno nel governo è contrario, lo dica». (t.d.b.)

(Fonte: Adnkronos)

(ph. Twitter – Sea Watch Italy)