Migranti, Onu boccia decreto sicurezza bis: «vìola diritti»

«Ci sono fondate ragioni per ritenere che le direttive del governo italiano su migranti e ong costituiscano una
grave violazione delle convenzioni internazionali sui Diritti dell’uomo e la protezione dei migranti e rifugiati». È il contenuto di una lettera inviata al ministero degli Esteri, il cui titolare, Enzo Moavero, conferma di aver ricevuto. Il documento integrale è stato pubblicato sulla versione online del quotidiano dei vescovi Avvenire.it. La firmataria della lettera in cui si esprime preoccupazione per la legge che dovrebbe essere discussa domani in consiglio dei ministri, è Beatriz Balbin, capo delle procedure speciali dell’Alto commissariato per i Diritti umani.

Uno dei punti più critici della nuova legge, secondo l’Onu, è l’eventualità di multare chi salva migranti in mare, e del resto anche in Italia nei giorni scorsi questa ipotesi aveva fatto molto discutere. Nella lettera si dice anche la Libia non può essere considerato un porto sicuro e che le ong sono «essenziali per salvare vite umane». In riferimento alle anticipazioni circolate, la Farnesina precisa che la lettera contiene una richiesta di chiarimenti circa due recenti direttive del Ministero dell’Interno in materia di sicurezza delle frontiere e di immigrazione illegale, oltre alle già citate preoccupazioni per il decreto sicurezza bis. La lettera è stata trasmessa anche al Ministero dell’Interno. (t.d.b.)

(ph. Shutterstock)