Maltempo, Azzalin (Pd): «stato calamità per Polesine allagato»

Mezzo Polesine allagato dopo la bomba d’acqua di domenica, la Regione chieda lo stato di calamità e si impegni a combattere sul serio i cambiamenti climatici anziché fare battute da quinta elementare». L’appello arriva dal consigliere del Partito Democratico Graziano Azzalin, capolista alle prossime Comunali a Rovigo, che commenta gli effetti dell’ennesmo weekend di pioggia in Veneto. In provincia di Rovigo si registrano allagamenti nelle campagne e case evacuate, mentre lo stato di attenzione del Centro funzionale decentrato della Regione del Veneto è stato prolungato fino alle 14 di domani, 21 maggio, per criticità idrogeologica e idraulica.

«Questi fenomeni “fuori stagione” si stanno ripetendo con una frequenza sempre maggiore e non possono essere liquidati con delle battute. La lotta ai cambiamenti climatici – aggiunge il consigliere dem – deve essere al centro dell’agenda politica a tutti i livelli, dai singoli Comuni fino all’Unione Europea. Qua invece abbiamo un assessore regionale e il suo segretario nazionale, nonché ministro dell’Interno, che fanno dell’ironia infantile su maltempo e temperature in picchiata di questo maggio che negherebbero la realtà del riscaldamento globale. Tutto perfettamente in linea con l’irresponsabilità del nostro Governo che nei giorni scorsi non ha sottoscritto, a differenza di altri Paesi come Spagna e Francia, – conclude Azzalin – l’appello per chiedere all’Unione Europea l’impegno ad azzerare le emissioni di gas serra entro il 2050». (t.d.b.)

(ph. Facebook – Graziano Azzalin)

Tags: ,