Sea Watch 3, migranti sbarcano: Salvini furioso

Si tinge di giallo la vicenda della nave ong Sea Watch 3 con migranti a bordo. Ieri sera infatti le persone sono state fatte sbarcare grazie a una seconda nave. La Sea Watch 3 è stata sequestrata e il comandante verrà indagato. La nave ong nella giornata di sabato era entrata in acque italiane nonostante il divieto del ministro dell’Interno Matteo Salvini, adducendo questioni umanitarie. Dopo l’evacuazione di donne e bambini infatti a bordo la tensione era salita a bordo fino ad arrivare a minacce di suicidio.

Ieri sera in diretta televisiva durante la trasmissione Non è l‘Arena di Massimo Giletti i migranti sono stati fatti sbarcare dalla guardia costiera e affidati alla capitaneria di porto. Ora sono in questura ad Agrigento per controlli. Il ministro dell’Interno e leader della Lega Matteo Salvini ha assistito allo sbarco rilasciando poi pesanti accuse ai colleghi di governo del Movimento 5 Stelle: «se qualche ministro ha dato autorizzazione a sbarcare immigrati trasportati illegalmente ne risponderà davanti agli Italiani. Io sono il ministro delle regole e dei porti chiusi». «Nessun ministro del M5S ha aperto i porti» risponde il Movimento di Luigi Di Maio attraverso una nota. «Leggiamo che il ministro Salvini accusa un ministro M5S di aver fatto sbarcare la Sea Watch – si aggiunge -. A parte aver già smentito la cosa, gli ricordiamo che è lui il ministro degli Interni ed è lui che deve dare una spiegazione sul sequestro e sullo sbarco, non deve chiederlo agli altri». «Questa vicenda dimostra che i porti in Italia non sono chiusi» affermano i responsabili della Sea Watch. «Agli italiani bisogna dire la verità, non tweet. Si parla solo di ong ma i migranti continuano a sbarcare» ha aggiunto il sindaco di Lampedusa. (t.d.b.)

(Fonte: Adnkronos)

(ph. Shutterstock)

Tags: