Home Venice Festival, la grande musica torna al San Giuliano

Once in a lifetime“. Questo lo slogan con cui ieri a Ca’ Farsetti è stata presentata la prima edizione dell’Home Venice Festival, che dal 12 al 14 luglio promette di riempire il parco San Giuliano di Mestre non solo di musica, ma anche di tutte le forme in cui si sviluppa l’arte. All’incontro con la stampa erano presenti il sindaco di Venezia Luigi Brugnaro e il fondatore di Home Venice Festival, Amedeo Lombardi.

«Avevamo promesso il ritorno della grande musica a San Giuliano, ed eccoci qui, con un evento che guarda all’intera area metropolitana e che ribadisce la grande capacità attrattiva dei talenti della nostra città – ha dichiarato Brugnaro – Ma non solo per quest’anno: c’è un accordo per i prossimi 9 anni con gli organizzatori dell’Home Festival di Treviso, selezionati attraverso un bando pubblico. Una manifestazione internazionale che ha già alle spalle una storia di successi e per noi è un onore ospitarla».

«Ricerca, stile, tendenza e cambiamento, queste le parole chiave di quella che sarà una vera rivoluzione in fatto di eventi in Italia – ha aggiunto Lombardi – Quest’estate, nella cornice più bella del mondo, si potrà vivere un’esperienza di vita che abbatte confini e barriere, immersi in un mash-up di culture e situazioni che ad oggi si trovano solo in contesti festivalieri oltreconfine. Ora anche l’Italia avrà il suo “grande festival”».

Il programma

Venerdì 12 luglio – Protagonisti, Aphex Twin, soprannominato il “Beethoven della musica elettronica”, star conosciuta in tutto il mondo, il rock indipendente degli anglosassoni Editors e l’hard rock degli statunitensi Rival Sons, tornando poi alle sonorità electro del britannico Jon Hopkins. Il rock continuerà a essere d’attualità con i The Vaccines, ma gli amanti della techno non rimarranno delusi con il producer e dj Kenny Dixon Jr, aka Moodymann. Ci sarà gloria anche per i ritmi in levare grazie al reggae di Alborosie e al ritorno del nostrano Furio con gli Ska-j.

Sabato 13 luglio – Si continueranno a mescolare stili e generi anche sabato 13 luglio con la techno berlinese di Paul Kalkbrenner e il rock Usa raffinato della cantautrice LP, diventata famosa grazie al singolo “Lost on you”. Elettronica (in scaletta anche i berlinesi doc Modeselektor e lo svedese Adam Beyer), rock, ma anche hip hop con Pusha T, rapper Usa originario del Bronx. A tenere alto il nome della nuova scena italiana saranno, tra gli altri, il romano Gazzelle, reduce dal secondo album “Punk”, e il rap di Noyz Narcos. Un genere che sarà ampiamente rappresentato sul palco di San Giuliano anche con il trapper Tedua, Franco126, Ensi, i Massimo Pericolo e il casertano Speranza.

Domenica 14 luglio – L’ultima giornata del festival vivrà uno dei suoi momenti clou con l’arrivo, per la prima volta in Italia, del rapper Young Thug. Spazio nel cast anche per il produttore elettronico britannico Mura Masa e per alcuni nomi che hanno campeggiato negli ultimi mesi in vetta alle classifiche italiane: Anastasio, ultimo vincitore di X Factor, i Boombadash, Gué Pequeno, Elettra Lamborghini.

Parcheggi e orari – I cancelli saranno aperti dalle 12 alle 4 di notte, per garantire anche un deflusso più ordinato. Oltre alle aree parcheggio attorno a San Giuliano, altre zone per la sosta dei veicoli saranno individuate al palasport Taliercio, con oltre 1.200 stalli, e l’area del PalaExpo, con più di 1.500 posti. Si aggiungerà anche una navetta dalla stazione ferroviaria mentre, sul fronte acqueo, è allo studio un possibile collegamento veloce da Venezia a San Giuliano.

Durante il festival sarà allestita un’area campeggio direttamente nel Parco San Giuliano, come avviene nei grandi festival europei.

(Ph. Home Festival)