Morto Niki Lauda, addio alla leggenda dell’automobilismo

Niki Lauda si è spento a 70 anni «pacificamente nel sonno lunedì, circondato dalla sua famiglia». Ad annunciare la morte della leggenda dell’automobilismo è il portavoce della famiglia. Il tre volte campione del mondo è stato sottoposto a un trapianto di polmone l’anno scorso, ed è stato ricoverato in ospedale con l’influenza nello scorso gennaio. Negli anni precedenti aveva ricevuto due trapianti di rene. Nel 1976 Lauda è stato vittima di un violento
incidente che lo lasciò sfigurato e suoi polmoni furono danneggiati da fumo tossico.

Dopo il suo primo titolo mondiale di Formula 1 nel 1975, Lauda ha vinto altre due volte nel 1977 e nel 1984. Alla fine della sua carriera agonistica nel 1985, aveva gareggiato in 171 gare di Formula 1, ne vinse 25 e si fermò sul podio 54 volte. Successivamente diventò consigliere per la squadra corse della Ferrari, prima di diventare presidente non esecutivo del team Mercedes F1 nel 2012.

Ma non solo Formula 1, Niki Lauda aveva anche altre grandi passioni come quella del volo. Prima di ritirarsi, il pilota ha lanciato Lauda Air nel 1979. Nel 2003, ha fondato un’altra compagnia aerea, Niki, che ha venduto ad Air Berlin nel 2011 per riacquistarla nel gennaio 2018 con il marchio Laudamotion e poi venderla successivamente alla compagnia aerea irlandese Ryanair. (a.mat.)

Fonte: Adnkronos

(ph: imagoeconomica)

Tags: