Vicenza, Grancasa licenzia 9 persone: dipendenti in sciopero

I lavoratori della Grancasa di viale della Scienza a Vicenza hanno proclamato uno sciopero e sit in domenica 26 e lunedì 27 maggio 2019, coordinati dalle sigle sindacali Filcams, Fisascat, Uiltucs. Nel mirino i licenziamenti programmati da Grancasa in tutta Italia. A Vicenza dovrebbero restare a casa 9 lavoratrici e lavoratori. «È stato, sin qui, vano il tentativo di cercare una soluzione alternativa alle procedure di licenziamento collettivo avviate dalle società Grancasa S.p.A., Mercatone di Desenzano, S.r.l., Mercatone dell’Umbria S.r.l. e Gest Due S.r.l., del Gruppo Grancasa» spiegano i sindacati in una nota.

Il Gruppo Grancasa ha confermato tutti i complessivi 158 esuberi inseriti nelle diverse procedure, sottraendosi a qualsiasi confronto per trovare soluzioni alternative ai licenziamenti e respingendo tutte le proposte che la delegazione sindacale ha avanzato. «Nonostante la direzione aziendale abbia confermato che anche maggio si chiuderà con un +7% rispetto allo stesso mese dell’anno scorso che testimonia una crescita in termini di fatturato – prosegue la nota dei sindacati – è emersa la chiara volontà di arrivare alla fine dei tempi delle procedure per procedere ai licenziamenti, dichiarando che è l’unico modo per tentare di salvare l’azienda».

«La mobilitazione – conclude Alessio Odoni, segretario generale della Filcams di Vicenza – è il percorso naturale per incidere nella trattativa non solo per gli esuberi dichiarati, ma per il futuro della “platea” occupazionale nella sua interezza». (t.d.b.)

(ph. Facebook – Filcams Cgil Vicenza)