Auto, Fca vuole fusione con Renault: «saremmo terzo gruppo al mondo»

Fca, multinazionale nata dalla fusione tra l’italiana Fiat e l’americana Chrysler, ha inviato al cda di Renault una
lettera non vincolante proponendo «una aggregazione delle rispettive attività nella forma della fusione 50/50». Lo rende noto un comunicato ufficiale della stessa Fca in cui si sottolinea tra le altre cose che «l’aggregazione proposta creerebbe uno dei principali produttori di auto al mondo in termini di fatturato, volumi, redditività e tecnologia a beneficio dei rispettivi azionisti e degli stakeholders delle società. Sarebbe la terza società automotive al mondo».

«La società risultante – prosegue la nota di Fca – venderebbe annualmente circa 8,7 milioni di veicoli e i benefici dell’operazione non si otterrebbero con la chiusura di stabilimenti ma deriverebbero da investimenti più efficienti in termini di utilizzo del capitale in piattaforme globali dei veicoli, in architetture, in sistemi di propulsione e in tecnologie. L’aggregazione – conclude la nota di Fca – sarebbe molto vantaggiosa per gli azionisti Fca e Renault realizzando oltre 5 miliardi stimati di sinergie “run-rate” annuali». «Macron non faccia scherzi o interverremo» ha commentato il presidente della Commissione bilancio alla Camera Claudio Borghi (Lega). (t.d.b.)

(Fonte: Adnkronos)

(In foto Mike Manley e John ELkann, rispettivamente ceo e presidente Fca, ph. Imagoeconomica)

Tags: