M5S, capogruppo Venezia: «gridare “onestà” non basta più»

«È una debacle! Non c’è alcun dubbio. La peggiore, nella storia del Movimento». È questo il commento al risultato delle europee del capogruppo del Movimento 5 Stelle nel consiglio comunale a Venezia Davide Scano. «Al Nord il dato è ancor più pesante: attorno al 10-11%, pressoché irrilevante come una Forza Italia qualsiasi. Non c’è dubbio che abbiano pesato la questione “autonomia”, il reddito di cittadinanza. percepito come una misura assistenziale (anche per sindacati, sinistri e giornali di sistema). Lega e F.d.I. da soli superano il 40% e potrebbero costituire un’alternativa al governo attuale, senza coinvolgere la mummia».

«Il Pd ci stacca di 5 punti percentuali nonostante abbia sempre nuovi amministratori indagati settimanalmente. Credo quindi che, sotto sotto, un buon 80% di italiani se ne infischi dello slogan “onestà”. A livello locale siamo, verosimilmente, sotto il 10% e di questo, come eletto M5S, mi assumo appieno la mia quota di responsabilità con le doverose riflessioni conseguenti. Il M5S riuscirà a cambiare, a risollevarsi, a modificare alcune delle regole che si è dato all’inizio? L’abbiamo chiesto in molti, nelle varie riunioni regionali, – conclude Scano – ma c’è stato un rallentamento nelle ultime settimane». (t.d.b.)

(Fonte: Adnkronos)

(ph. Vvox)

Tags: ,