Migranti, Alarm Watch: «morta bimba 5 anni». Marina smentisce

L’ong Sea Watch ha pubblicato ieri un video girato il 23 maggio e pubblicato da Repubblica in cui si vede un uomo annegare in mare. A breve distanza ci sarebbe stata anche una nave della Marina militare italiana, che però non è intervenuta. La Marina non ha voluto rilasciare dichiarazioni in merito.

Secondo Sea Watch in queste ore ci sarebbero ancora molti migranti, dagli 80 ai 90, su un barcone al largo della Libia, e sarebbero in seria difficoltà. Anche l’ong Mediterranea del veneziano Luca Casarini denuncia il problema, chiedendo l’intervento della marina militare italiana. Secondo Alarm Watch una bimba di 5 anni sarebbe morta su quel barcone.

Una nota della Marina militare però smentirebbe i decessi. «Questa mattina – si spiega – il Pattugliatore d’altura
della Marina Militare Cigala Fulgosi, ha raggiunto un gommone in acque internazionali, a circa 90 miglia a sud di Lampedusa. L’unità della Marina, constatate le condizioni del natante con 100 persone a bordo, di cui solo una decina provvisti di salvagente individuale, motore spento, precarie condizioni di galleggiamento e considerate le
condizioni meteorologiche in peggioramento, è intervenuta in soccorso delle persone che erano in imminente pericolo di vita. Al termine del soccorso sono state recuperate le 100 persone, di cui 17 donne e 23 minori, per i quali è attualmente in atto la verifica delle condizioni di salute. Non risulta alcuna persona deceduta a bordo». La nave della Marina con a bordo i migranti soccorsi sta viaggiando verso Lampedusa». (t.d.b.)

(Fonte: Adnkronos)

(ph. Imagoeconomica)

Tags: