Parlamento Ue, Orbán dice no al patto con Salvini-Le Pen

Il presidente ungherese Viktor Orbán non intende stringere un’alleanza con il gruppo nazionalista di Matteo Salvini e Marie Le Pen, definita dal suo portavoce «improbabile». Il premier ungherese preferirebbe rimanere all’interno del Partito popolare europeo, anche a causa dei rapporti di amicizia di Lega e Rassemblement National nei confronti della Russia di Putin, accusato di finanziare occultamente le due forze sovraniste in funzione anti-Ue.

Il no di Orbán arriva dopo quello di Nigel Farage, leader del Brexit Party, che attualmente fa parte del gruppo Efdd insieme al Movimento 5 Stelle. Ad aderire al “patto sovranista” insieme ai 50 europarlamentari italiani e francesi resterebbero pertanto solo 3 esponenti austriaci dell’Fpö, gli 11 tedeschi di AfD, i Veri finlandesi (2), i 3 deputati del Vlaams Belang fiammingo e quello del Partito del popolo danese, per un totale di 70 eurodeputati. (r.a.)

(Ph. Imagoeconomica)

Tags: