Il dado è tratto: Knorr lascia il Veneto, 76 dipendenti licenziati

Unilever, proprietaria del marchio Knorr, ha deciso di trasferire la produzione dei dadi da brodo, che da 54 anni venivano realizzati a Sanguinetto, nel Veronese. Verrà delocalizzata in Portogallo, dove il costo del lavoro è più basso. Gianfranco Chimirri, direttore comunicazione di Unilever Italia, ha spiegato al Sole 24 Ore che la scelta è legata alle «rilevanti difficoltà riscontrate a livello europeo e italiano nel settore dei dadi da brodo tradizionali, che hanno portato ad una diminuzione del fatturato di più del 10% in due anni, e dall’esigenza di rispondere alle mutate esigenze del mercato». La delocalizzazione della produzione comporterà il licenziamento collettivo di 76 dei 161 addetti. I sindacati hanno proclamato lo sciopero.

(Ph. Imagoeconomica)