Pasti in ospedali, Anac boccia Regione Veneto

Azienda Zero, l’ente che gestisce la sanità in Veneto per conto della Regione, dovrà rifare la gara per la fornitura dei pasti negli ospedali. Come riporta Renzo Mazzaro sul Mattino di Padova di oggi a pagina 13, la decisione è stata comunicata dall’Anac, l’autorità anticorruzione, che dopo una serie di ricorsi ha dichiarato illegittimi i criteri con cui è stato assegnato il precedente appalto di 303,5 milioni di euro. Il 13 febbraio 2018 l’Autorità anti corruzione ha chiesto per la prima volta  informazioni alla stazione appaltate del Veneto, cioè «le modalità concrete di svolgimento della gara, il tipo di procedura, i criteri di aggiudicazione, di valutazione, di suddivisione in lotti, con particolare riferimento alla disponibilità di un centro di cottura». Tre dei sei lotti in cui era diviso l’appalto erano già stati bloccati a inizio 2019 dal Consiglio di Stato.

Il presidente dell’Anac Raffaele Cantone (in foto) ha firmato la delibera girandola poi «per gli eventuali profili di competenza» all’Agcm, l’autorità garante della concorrenza, alla Corte dei Conti e alla procura della Repubblica. Tre dei sei lotti in cui era diviso l’appalto erano già stati bloccati a inizio 2019 dal Consiglio di Stato. (t.d.b.)

(ph. Imagoeconomica)