Rovigo, vendita online cannabis spacciata per “light”: due denunciati

I finanzieri del comando Provinciale di Rovigo hanno scoperto un commercio on line di cannabis che veniva spacciata per” light”, cioè con thc inferiore allo 0,2%, inserendosi quindi nel circuito legale, quando in realtà era erba, con livelli superiori allo 0,60%. A finire al centro delle indagini una nota srl con sede in provincia di Rovigo ma con unità operative nel padovano. I due responsabili, un 64enne ed un 46enne residenti nel Padovano, avevano messo in piedi un’ attività operante su tutto il territorio nazionale. I due indagati, denunciati per traffico di sostanze stupefacenti, reperivano la cannabis da più origini (su cui ci sono in corso accertamenti), la miscelavano e la confezionavano con una propria etichetta.

Ai due è stato contestato anche il reato di ”frode in commercio”, poiché nella etichetta che accompagnava i prodotti venduti veniva dichiarato un valore del CBD, componente legale aromatica che dà pregio al prodotto, pari al 13% e che invece è risultato essere pari al 5%. Presso l’abitazione di uno degli indagati sono stati rinvenuti, nascosti nella canna fumaria del camino, circa 90 barattoli di cannabis già confezionata e pronta per essere venduta. Altra sostanza è stata rinvenuta allo stato sfuso, pronta per essere confezionata e smerciata. Nel complesso sono stati sequestrati circa 2 kg di cannabis, barattoli ed etichette. (t.d.b.)

(Fonte: Adnkronos)

Tags: ,