Castrazione chimica, in Alabama è legge. Salvini: «serve anche qui»

La governatrice dell’Alabama Kay Ivey ha firmato la legge che impone la castrazione chimica ai condannati per reati sessuali sui minori di 13 anni, un mese prima di essere scarcerati. Chi si rifiuterà di sottoporsi al trattamento perderà la libertà condizionale e tornerà in carcere.

«Un modo per prevenire altre violenze e intervenire su persone evidentemente malate – ha commentato il ministro dell’Interno Matteo Salvini -, oltre che col carcere anche con una cura farmacologica. Sono convinto sia una buona pratica da adottare anche in Italia, come la Lega propone da anni». (t.d.b.)

(ph. Imagoeconomica)

Tags: