Vertenza Knorr, Pd Veneto: «silenzio Di Maio preoccupante»

Sulla vicenda Knorr «ancora una volta spicca la totale assenza del ministero per lo Sviluppo economico». Lo affermano la vice-capogruppo del Partito Democratico in Consiglio regionale, Orietta Salemi, e la consigliera Francesca Zottis, vicepresidente della commissione Lavoro, alla vigilia dell’incontro in programma lunedì prossimo con azienda e sindacati sul caso dell’Unilever, la multinazionale che ha deciso spostare in Portogallo la produzione del dado Knorr, licenziando 76 dipendenti dello stabilimento di Sanguinetto, nel Veronese.  «Continuano le delocalizzazioni e coerentemente il Governo, in primis il ministro Di Maio, continua a non far niente».

«Eppure – sottolinea la nota di Salemi e Zottis – in questo caso non era difficile cogliere le avvisaglie, visto che un anno fa erano rimaste a casa altre 28 persone: ogni appello però è caduto nel vuoto, così come sono rimaste senza risposta le nostre interrogazioni parlamentari presentate dall’onorevole Rotta. Dopo il vertice di lunedì chiediamo all’assessore Donazzan di riferire in audizione sullo stato dell’arte e sulle prospettive future, auspicando che la Regione Veneto paladina dell’autonomia sappia farsi protagonista, magari “commissariando” il Mise, il cui titolare mostra ogni giorno che passa la propria inadeguatezza». (r.a.)

(Ph. Consiglio Regione Veneto)

Tags: ,