Arena Verona, Gasdia: «piangeremo Zeffirelli con la sua “Traviata”»

Il sovrintendente e direttore artistico della Fondazione Arena di Verona Cecilia Gasdia,(in foto) amica di Franco Zeffirelli sin dai suoi giovanissimi esordi sulle scene, commenta in una nota la scomparsa del maestro all’età di 96 anni.  «Lo abbiamo amato incondizionatamente tutti, ha segnato la nostra vita professionale e personale in modo indelebile. Vorremmo tutti avere oggi il tempo di fermarci e piangere liberamente l’uomo, l’artista, l’amico, ma se davvero vogliamo onorarlo come merita, questo lusso non ce lo dobbiamo né possiamo permettere» afferma la Gasdia in una nota.

«Lo piangeremo lavorando al meglio, al massimo delle nostre forze per onorare il suo genio, perché la sua ultima Traviata, (in programma il prossimo 21 giugno, n.d.r.) ma anche il suo Trovatore, brillino e contribuiscano al ricordo futuro del suo genio insostituibile. Gli strumenti li abbiamo e il suo imprimatur pure, perché Traviata viene da lontano, un anno di lavoro intenso nel quale ogni dettaglio, ogni particolare è stato condiviso con i suoi storici assistenti e collaboratori della Fondazione Arena che ne hanno assorbito il pensiero. Terminato questo doveroso omaggio – conclude la Gasdia – potremo finalmente sfogare i nostri sentimenti privati e piangerlo. Ora dobbiamo lavorare ancora per lui anche se, purtroppo, senza di lui». (t.d.b.)

(ph. Fondazione Arena)