Calcio, Totti lascia la Roma: «tornerò solo con nuova proprietà»

Fine di un’epoca in casa Roma dove lo storico capitano Francesco Totti si è dimesso dal suo ruolo di dirigente nella società di proprietà dell’americano James Pallotta. In una conferenza stampa al Salone d’onore del Coni Totti, visibilmente commosso, ha spiegato le ragioni del suo addio scagliando dure accuse alla proprietà, ma anche al dirigente Franco Baldini.

«Era meglio morire che staccarmi dalla Roma – ha detto Totti – ma non è stata colpa mia. Gli americani hanno tolto la Roma ai romani, mi hanno estromesso dalle decisioni. Con Baldini non c’è mai stato rapporto e mai ci sarà». Totti ha lanciato anche un messaggio di speranza per i tifosi giallorossi. «Il mio potrebbe essere un arrivederci – ha detto – potrei tornare se ci fosse una nuova proprietà. Presidenti e allenatori passano, le bandiere no». Totti ha anche rivelato che aveva avuto l’ok di Antonio Conte per allenare la squadra. «Poi ci sono stati problemi» ha spiegato; e l’allenatore pugliese è andato all’Inter. (t.d.b.)

(ph. Imagoeconomica)

Tags: