«Un minuto di silenzio nelle aziende per dire che non ne possiamo più»

«Un minuto di silenzio, in tutte le aziende, per dire che non ne possiamo più». La proposta arriva dal presidente di Confindustria Venezia e Rovigo, Vincenzo Marinese, che nell’assemblea ordinaria degli industriali di ieri si è rivolto ai suoi associati. «Siete soddisfatti sì o no delle politiche del governo? No. E allora lo dobbiamo dire in modo chiaro, perché noi e l’Italia stiamo rischiando grosso. Vogliamo far finta di niente, o vogliamo dare un segnale forte?».Come riporta Francesco Furlan sul Mattino di oggi, Marinese ha spiegato che la proposta nasce da quanto visto nelle assemblee in giro per il Veneto.

«A Treviso erano tutti arrabbiati con le politiche del governo, a Verona lo stesso, qui da noi lo stesso. La mia è una constatazione da notaio, non da uno che ce l’ha a prescindere con questo governo». Per Marinese l’esecutivo porta avanti una politica «surreale» a colpi di «spot pubblicitari» e fingendo di fare opposizione a se stesso. «È un governo unico, guardate che su questo ci stanno fregando», ha aggiunto, «e io dico che è arrivato il momento di dire basta».

(Ph. Confindustria Venezia / Facebook)

Tags: