Autostrade, nuovo sistema pedaggi: quanto costano e cosa cambia

Il ministro delle Infrastrutture Danilo Toninelli e l’Authority dei trasporti hanno approvato il nuovo sistema di tariffe dei pedaggi autostradali, che sono il risultato delle disposizioni introdotte dalla legge 109/2018 di conversione del Decreto Genova, con cui è stata estesa la competenza regolatoria ART anche alle concessioni in essere e non solo a quelle nuove, come stabiliva la legge 214/2011 istitutiva dell’Autorità di regolazione dei trasporti. Per quanto riguarda le concessioni in essere il sistema tariffario conferma i criteri ed i parametri del modello già applicato per alcune concessioni autostradali scadute e da riaffidare, come la A22 Autobrennero e la A4 Autovie Venete.

Il sistema definito dall’Autorità è basato sul metodo del “price-cap“, con determinazione dell’indicatore di produttività a cadenza quinquennale e punta a definire obiettivi di maggiore efficienza dei costi operativi, secondo parametri di ”performance”, basati sul confronto competitivo con le migliori pratiche del settore. Quanto all’altra componente “regolata” dei pedaggi, ovvero i costi per investimenti gli investimenti da realizzare, l’Autorità riconosce una remunerazione sul capitale investito (WACC) pari al 7,09% mentre per le opere già ”cantierate” continuerà ad essere applicato il ”TIR-tasso interno di rendimento” previsto dal sistema tariffario previgente. Il nuovo sistema ART prevede anche verifiche annuali sull’effettiva realizzazione degli investimenti programmati, con la possibilità di diminuzioni del pedaggio in caso di mancato rispetto dei cronoprogrammi. Le tariffe autostradali in Italia sono tra le più basse d’Europa secondo Aiscat, che però critica il nuovo sistema, difeso invece dal ministro Toninelli. La media è di circa 8 centesimi al chilometro. «Finora i sistemi tariffari – spiega Toninelli – non consentivano di distinguere la quota di remunerazione legata all’attività di costruzione da quella derivante dall’attività di gestione. Quindi non si potevano calibrare in modo mirato gli adeguamenti dei pedaggi, incentivando il concessionario all’efficienza della gestione e alla rapida realizzazione degli investimenti. Adesso la tariffa al casello, di base, sarà invece composta da una componente di costruzione (fondata sugli investimenti realizzati e programmati) distinta da un’altra di gestione (determinata dai costi operativi pertinenti ed efficienti)».  (t.d.b.)

(Fonte: Adnkronos)

(ph. Wikipedia)

Tags: