Il giorno più caldo di sempre (in giugno)

Non si tratta di una di quelle sparate sensazionaliste che spesso leggiamo sui certi siti “meteo” che altro non fanno che utilizzare titoli e contenuti sensazionalisti per ottenere qualche visualizzazione in più. Talvolta i record, anche storici, vengono infranti e, negli ultimi decenni, in virtù di un conclamato cambiamento climatico globale, interessano con maggiore frequenza anche il nostro territorio.

Lo afferma il meteorologo di Serenissima Meteo, Marco Rabito, alla vigilia di quello che si preannuncia come il giorno più caldo di sempre. 

Lo storico

Nel mese di febbraio di quest’anno è stato infranto in Veneto il record della temperatura massima, il valore più alto da oltre 200 anni (1774), ovvero da quando si dispone di dati riguardanti la città di Padova.
Nel mese di maggio appena trascorso a Vicenza ed in altre località venete si è registrato il record storico di pioggia caduta su ben 100 anni di rilevazioni e, nel corso di domani, giovedì 27 giugno, con elevate probabilità saranno infranti i record storici di caldo per il mese di giugno in Veneto, dei record che appartengono al terribile giugno del 2003 che, tuttavia, continuerà a conservare il record della temperatura media mensile più alta di sempre (ben ricordiamo come quell’estate fu caratterizzata si da gran caldo, ma anche e soprattutto da una grande persistenza).
Ma lasciamo da parte i dati storici e passiamo all’attualità:
un promontorio anticiclonico di matrice subtropicale si è elevato, attraverso la Penisola Iberica, fin sulla Francia e su buona parte dell’Europa occidentale apportando valori termici inconsueti che stanno infrangendo molti primati anche al di fuori dei nostri confini nazionali. Questa struttura altopressoria è così vasta che comprende, seppure in maniera non diretta, anche nostro territorio regionale apportando, come caratteristica dominante, un sensibile aumento delle temperature che si porteranno, come anticipato, su valori inconsueti e ampiamente superiori alle medie del periodo.

Il giorno più caldo dalle coste alle cime

La giornata di domani, GIOVEDI’ 27 GIUGNO segnerà l’apice del gran caldo, soprattutto tra le prime ore del pomeriggio e il tramonto, quando si raggiungeranno le massime assolute di questa parentesi africana. La cartina allegata mostra i dati previsti in regione e possiamo notare come localmente si potrebbero anche superare i 40 gradi. Qualcosa di MAI visto prima nel mese di giugno.

Farà molto caldo anche in montagna, settori che non saranno certo risparmiati da questa ondata e probabilmente il ritocco verso l’alto di qualche record termico pluriennale sarà possibile anche in alta quota.

E poi…

Nel corso della giornata di VENERDI’ 28 apprezzeremo un lieve calo termico, pur in un contesto ancora di caldo anomalo, soprattutto con riferimento alla notte tra giovedì e venerdì che sarà molto probabilmente la più calda di questa fase con valori minimi in città che potrebbero anche non scendere sotto i 26-27 °C.
Saranno altresì possibili, nel corso del pomeriggio-sera di venerdì, occasionali piovaschi o temporali sul comparto montano, localmente anche intensi e produttivi di qualche grandinata.

Per il fine settimana ci possiamo attendere un ulteriore calo delle temperature nel corso della giornata di SABATO 29, in cui osserveremo anche qualche annuvolamento in più, al mattino a tutte le quote, mentre al pomeriggio solamente sui rilievi.
Tempo in prevalenza stabile anche DOMENICA 30 in cui si osserverà anche un nuovo aumento delle temperature che potrebbero tornare fin verso i 35 °C nelle massime diurne in pianura.

Ph Rabito – Serenissima Meteo