Autonomia, Zaia a M5S: «ricreazione finita, sarò come nido di vespe»

Luca Zaia ha perso la pazienza e passa alle parole forti. Il presidente della regione Veneto attacca il Movimento 5 Stelle dopo l’ennesimo rinvio sull’autonomia regionale sul Corriere della Sera.

«Ai grillini voglio dire che è finita la ricreazione. Dato che io seguo la partita delle autonomie per 24 ore ogni giorno, giuro che sarò come un nido di vespe. Perché è scandaloso quello che stanno facendo alla mia gente.

Poi aggiunge:

«Li sfido pubblicamente a far uscire la loro proposta. I 5 stelle hanno sostenuto i referendum e hanno sottoscritto il contratto di governo eppure fanno muro. Affermano di voler dare voce ai cittadini, ma se poi il popolo dice che cosa gli aggrada nascono i problemi».

Sempre sul Corriere della Sera, interviene anche il ministro per gli Affari regionali, Erika Stefani.

«Il presidente Giuseppe Conte mi aveva dato come scadenza per le autonomie regionali la data del 15 febbraio. Oggi, siamo arrivati quasi a luglio. Io capisco le campagne elettorali, capisco tutto. Ma ritornare ogni volta daccapo, quello no. Credo di aver fatto cento tra incontri e riunioni: mi pare siamo a 97. Quello che non è ammissibile è che si facciano riunioni su riunioni e si rimanga sempre al punto di prima. È quello che ho detto anche al presidente Conte: ora è arrivato il momento della scelta».

(ph: imagoeconomica)