In mutande contro l’Usl 2: a processo per diffamazione

Quasi un anno fa Siro Zilio scelse il coup de theatre per protestare contro quelle che secondo lui erano le precarie condizioni in cui era costretto ad assistere la madre 94enne, ricoverata all’ospedale di Castelfranco. Postò su Facebook una sua foto in mutande e in sacco a pelo, per terra, vicino appunto al letto dell’anziana donna. L’Usl 2 ritenne di essere stata diffamata da quella foto e lo denunciò e ora, come riporta Milvana Citter sul Corriere del Veneto di oggi nell’edizione di Vicenza e Bassano a pagina 7, nonostante la richiesta di archiviazione da parte della procura, il gip Angelo Mascolo ha chiesto l’imputazione coatta per il 58 enne di san Zenone degli Ezzelini.

L’azienda sanitaria tramite i suoi legali sta valutando di costituirsi parte civile al processo perché ritiene che Zilio abbia detto delle falsità nel suo post.

ph. Shutterstock