Dopo Jesolo tocca a Torri del Benaco: vietati gli alcolici

«Decoro urbano sempre in primo piano a Torri del Benaco». Inizia così il post Facebook che annuncia l’ordinanza voluta dal sindaco Stefano Nicotra che vieta la detenzione, il consumo e la vendita per asporto di bevande alcoliche per tutta l’estate 2019. Dopo Jesolo quindi, si aggiunge anche la località veronese nella lista di quelle che dichiarano guerra all’alcol.

Nell’ordinanza numero 89 del 26 luglio 2019 si legge: «La nostra località è meta di decine di giovani che giungono soprattutto nei fine settimana e nei periodi di ferragosto i quali talvolta, come purtroppo constatato in passato, fanno uso sconsiderato di bevande alcoliche creando situazioni di degrado causate da schiamazzi, urla, atti contrari alla pubblica decenza e all’abbandono incontrollato di bottiglie sul suolo pubblico». Senza calcolare gli «eventi collaterali» come «atti vandalici, disturbo della quiete pubblica, abbandono di rifiuti». Torri del Benaco è stato già «oggetto di numerosi interventi per ricorrenti problematiche dovute ad ubriachezza molesta» e queste situazioni provocano nei cittadini «senso di insicurezza, di timore per la propria incolumità e di disagio».

E’ necessario quindi «prevenire questi fenomeni». Per questo il sindaco ha deciso di vietare la vendita d’asporto (tranne per uso domestico) e la detenzione e il consumo di bevande alcoliche «dalle ore 20 di tutti i sabato fino alle 6 di lunedì a partire da sabato 27 luglio fino a sabato 14 settembre, nonchè dalle ore 20 del 14 agosto alle ore 6 del 19 agosto».

(ph: shutterstock)