Filastrocche venete: ma voi ve la ricordate la storia dell’ocarea?

Se sei un vero veneto, non puoi non averle sentite almeno una volta! E se ce ne siamo dimenticata qualcuno, segnalatecela

Un bel salto nel passato con una carrellata di filastrocche venete, alcune ripescate dalla memoria ed altre prese dal web. Premettiamo che potreste trovare delle differenze a seconda della zona da dove provenite, scriveteci la vostra versione. E se ce ne siamo dimenticata qualcuno, segnalatecela.

  • Manìna bèa, fata a penèa, dove sito stà? Da ‘a nona. Cossa gheto magnà? Pan e late. Gate gate gate
  • Bati bati le manìne, che arìverà ‘l papà, el porterà i momòni e (nome del bambino) ‘i magnarà.
  • Buonjorno compare Tachi. Ti che te tàchi i tachi, tàcame i me tachi. Mi che te tàco i to tachi? Tàcateli ti i to tachi, ti che te tàchi i tachi
  • Piovi, piovisina, la gatta va in cusina, la va soto ‘l leto, la trova un confeto, ‘l confeto xe duro, la salta sul muro, ‘l muro xe bianco, la salta sul banco, ‘l banco xe rosso, la salta in fosso, in fosso xe aqua, adio comare gata.
  • Luni se nda’ da marti, per saver de mercore, se zioba gaveva sentio venare, che sabo gaveva dito che domenega se festa.
  • El pan e vin , a Vecia su pal camin, a magna i pomi coti, a me assa i rosegoti. Poenta e figadei ,par i nostri tosatei. El pane vin , a pinsa sol larin, a masera so a panera, el paron sol caregon, el puteo nel sol letin. El pan e vin ,a pinsa sol larin, a poenta sol fondal, e viva el carneval. E viva e viva el pan e vin.
  • A befana vien de note, co e scarpe tute rote ,col vestito ala romana, viva viva la befana.
  • Questa xe a storia del sior Intento, che dura molto tempo, che mai se destriga, vuto che te a conta o vuto che te a diga?
    Che te me a conti!
    No se dise mai “che te me a conti” perchè ‘a se a storia del sior Intento, che dura molto tempo,che mai se destriga vuto che te a conta o vuto chete a diga?
    Che te me a disi!
    No se dise mai “che te me a disi” perchè a xe a storia del sior Intento, che dura molto tempo, che mai se destriga, vuto che te a conta o vuto che te a diga?
    Che te me a conti!
    No se dise mai “che te me a conti” perche’ a ze a storia del sior Intento,che dura molto tempo, che mai se destriga.
  • Questa xe la storia dell’ocarea, che la xe lunga ma tanto bela, col capeleto in crò, ca tea conta sì o no?
    Si
    Go dito che questa xe la storia dell’ocarea, , che la xe lunga ma tanto bela, col capeleto in crò, ca tea conta sì o no?
    No
    Go dito che questa xe la storia dell’ocarea, , che la xe lunga ma tanto bela, col capeleto in crò, ca tea conta sì o no?
  • In boca a ti, in boca a mi, in boca al can, anm anm.
  • Soto al ponte de Verona, ghe xe na vecia scorezona, che scoreza tuto el di, toca proprio a ti
  • Tutù tutù cavaloleon, ‘ndaremo fin a Malo, ‘ndaremo fin a Schio, tornaremo indrio, coparemo tuti quanti, sangue par tera, sangue par man, pin- pun- pan.
  • Din don dea, le campane de Galiera, le sona cossì forte, che le rompe parfin le porte, ma le porte xe de fero, volta a carta ghe xe un puliero, ‘sto puliero ga un pulierin, volta a carta ghe xe un puldin, ‘sto puldin ga la cioca, volta a carta ghe xe ‘na broca, ‘sta broca xe piena de acqua, volta a carta ghe xe ‘na mata, ‘sta mata xe ligà, e a storia finise qua.
  • Tutù, tutù musseta, la mama vien da messa, co le tetine piene,  par darghele ale putine, le putine no ne vole, el popà ghe le fa tore; ciama l’Adriana, che sona la campana, che sona el canpanon, buta … Zo dal balcon
  • Ghe jera na volta, Piero se volta, casca na zuca, Piero se inzuca, casca el bocale, Piero se fa male, casca na fassina, Piero se sassina, casca na zoca, Piero se copa.

Tags: