Malore lungo il sentiero, salvata dal figlio adolescente

La donna, M.V., 45 anni, di Arezzo, colta da malore sul sentiero che, sotto il Pelmo, porta al Rifugio Venezia

Alle 15 circa la Centrale del 118 è stata allertata per un’escursionista colta da malore sul sentiero che, sotto il Pelmo, porta al Rifugio Venezia, dove il figlio ara arrivato a dare l’allarme. La donna, M.V., 45 anni, di Arezzo, che si trovava a un quarto d’ora di distanza a piedi dal rifugio, è stata raggiunta dal personale medico dell’elicottero del Suem di Pieve di Cadore sbarcato con il tecnico di elisoccorso nelle vicinanze. Dopo una prima verifica, l’escursionista è stata imbarellata, imbarcata con un verricello di 15 metri e trasportata all’ospedale di Belluno per le cure del caso.

Frattura della caviglia

Attorno alle 15.30, il Soccorso alpino della Val Biois è stato inviato lungo le piste che dalle Buse scendono al Caverson, poiché una donna, D.B. 50 anni, di Campodoro (PD), messo male un piede, aveva riportato la possibile frattura di una caviglia. Una squadra si è avvicinata in jeep e poi a piedi ha raggiunto l’infortunata, che ai trovava col marito, il figlio e il loro cane. Prestate le prime cure, la donna è stata imbarellata e portata alla strada a spalla, a causa del pendio troppo ripido per il mezzo. Trasferita sull’ambulanza, è stata accompagnata all’ospedale di Agordo.

Tags: ,