Presidente Sicilia ammette: «Da noi autonomia usata per privilegi»

«Il familismo, l’assistenzialismo hanno caratterizzato buona parte delle generazioni del Mezzogiorno. Non abbiamo saputo usare la specialità del nostro Statuto»

«Quando si richiama il principio di responsabilità sono il primo a riconoscere che le classi dirigenti che si sono
alternate alla guida della mia Regione hanno utilizzato l’autonomia non in un contesto di responsabilità ma di privilegio». Sono queste le parole del presidente della Regione Sicilia Nello Musumeci intervenendo al Meeting di Rimini a un dibattito, insieme ai governatori di Lombardia, Liguria, Friuli Venezia Giulia, Emilia Romagna e della Provincia autonoma di Trento, sul regionalismo e l’autonomia differenziata.

«Il familismo, l’assistenzialismo hanno caratterizzato buona parte delle generazioni del Mezzogiorno. Sono il primo a fare autocritica e non ho mai governato la Regione, se non nell’ultimo anno, perché eletto democraticamente dal popolo. Le materie decentrate dallo Stato alla Regione siciliana sono 10 e non 23. Alcune riguardano gli usi civici, la caccia, la pesca, che nel ’46 potevano consentire una legislazione primaria, ma oggi obbediscono alla legislazione europea, poi alle norme nazionali e poi regionali. Che poi non abbiamo saputo usare la specialità del nostro Statuto è anche vero», conclude.

Fonte: Adnkronos

(ph: imagoeconomica)