Autonomia, Bonaccini: «Se non c’è ancora è colpa di Salvini»

Il governatore dell’Emilia Romagna ricorda: «Durante la campagna elettorale di un anno e mezzo fa, diceva in tutte le piazza che se avesse vinto avrebbe concesso l’autonomia entro 15 giorni. E’ una sua sconfitta politica»

«E’ evidente che, a questo punto, occorrerà attendere la nascita di un nuovo governo, come mi auguro che avvenga e dopo ripartire da quello che avevamo già sottoscritto a suo tempo, oltre un anno e mezzo fa, con il premier Gentiloni». Stefano Bonaccini, governatore dem dell’Emilia Romagna, commenta così la fine dell’esecutivo gialloverde che non è riuscito a portare a termine la richiesta dell’autonomia.

«Durante tutta la campagna elettorale per le elezioni politiche di un anno e mezzo fa, Salvini diceva in tutte le piazze che se avesse vinto la Lega e se fosse andata al governo, avrebbe concesso l’autonomia differenziata regionale entro 15 giorni. Ebbene, di 15 giorni in 15 giorni si è perso un anno e mezzo e l’autonomia non è stata concessa. Ora, tocca ripartire dalle bozze di intesa di allora. Per questo – conclude Bonaccini – sostengo che si tratta di una sconfitta politica di Salvini».