Futuro Aim, Lista Rucco: «Impostazione vecchia»

Soprana e Baggio: «Superare la logica della responsabilità “concorrente” tra più enti e modernizzare il servizio con strumenti tecnologici alternativi»

Nell’attesa che si verifichino le condizioni per un’aggregazione convincente sotto il profilo industriale, e possa quindi delinearsi in modo definitivo il quadro sul futuro del Gruppo AIM, il gruppo Idea Vicenza/Rucco Sindaco ritiene opportuno affrontare con una certa urgenza il tema della gestione dei servizi di pubblico interesse, oggi in capo prevalentemente a società del gruppo AIM .
In un comunicato a firma della presidente Caterina Soprana e della capogruppo in consiglio comunale Gioia Baggio, si evidenzia che “dall’illuminazione pubblica alla manutenzione delle strade, dalla gestione della sosta all’edilizia residenziale pubblica, dalla manutenzione del verde a quella degli immobili comunali, sono tanti gli ambiti in cui è indispensabile intervenire nell’immediato, garantendo in primis la continuità del servizio, ma anche rivedendo l’impostazione generale, attualmente regolata da contratti vecchi di vent’anni“.

“Un aspetto cui teniamo particolarmente riguarda il superamento della logica della responsabilità “concorrente” tra più enti per un medesimo servizio. Passaggio che riteniamo urgente e necessario – fanno notare – Si pensi, a titolo di esempio, che attualmente la manutenzione delle caditoie stradali è affidata a Viacqua per quanto riguarda la loro pulizia, a Valore Città/Amcps per la riparazione dei chiusini, mentre in caso di sfondamento dei pozzetti a dover intervenire è il Comune in quanto manutenzione straordinaria, con le prevedibili difficoltà di coordinamento per l’esecuzione di opere spesso urgenti”.

Soprana e Baggio ritengono importante dare ai cittadini un interlocutore unico, non solo, anche degli strumenti tecnologici per interagire con esso al momento del bisogno. “Siamo vicentini anche noi, e con i nostri concittadini vogliamo condividere una città curata ed efficiente, capace di offrire un contesto urbano accogliente e capace di rispondere alle esigenze dei suoi abitanti” concludono.