“Passeggiata” sui binari, treni in ritardo: 20enne denunciato

Fermato alle 12 e denunciato in stato di libertà, è stato ribeccato qualche ora dopo sempre lungo i binari. Su di lui pende anche un decreto di espulsione

Nella mattina di ieri, verso le 12, all’ufficio della polizia ferroviaria di Treviso è arrivata una chiamata dove si rendeva nota la presenza di un giovane che stava passeggiando sui binari della linea ferroviaria Treviso-Vicenza. Per questo motivo ai macchinisti è stato ordinato di tenere un’andatura a vista, ovvero di 30 km/h. Nel frattempo il personale della Polfer è riuscita ad individuare e fermare il 20enne siriano portandolo in questura per essere identificato. Qui la sorpresa: il ragazzo era stato colpito il giorno prima da un decreto di espulsione e l’intimazione a lasciare il territorio. Non avendo però creato ritardi nei treni, era stato denunciato in stato di libertà.

Non contento, alle 13.20 si è ripresentato lungo i binari per un’altra “passeggiata” provocando ritardi ai treni di 30 minuti. Fermato nuovamente dalla Polfer, veniva indagato per interruzione di pubblico servizio e procurato allarme. E’ al vaglio dell’Ufficio Immigrazione i provvedimenti da adottare a carico dello straniero.