«Boccia incolpa Regioni per mancata autonomia: tutto falso»

Il ministro per le Autonomie incontrerà per la prima volta Zaia il 23 settembre

Il Ministro per gli Affari Regionali e le Autonomie, Francesco Boccia, incontrerà il 23 e il 24 settembre i presidenti di Veneto, Emilia Romagna e Lombardia, le 3 Regioni che hanno firmato l’intesa sull’autonomia differenziata. Il 23 mattina sarà a Venezia per incontrare il presidente del Veneto, Luca Zaia, nel pomeriggio a Bologna per un incontro con il presidente dell’Emilia Romagna, Stefano Bonaccini, e il 24 a Milano per incontrare il presidente della Lombardia, Attilio Fontana.

La delegazione trattante del Veneto per l’attuazione dell’autonomia differenziata ex articolo 116, terzo comma, della Costituzione, comunica quanto segue: «Leggiamo con stupore le dichiarazioni odierne del Ministro per gli Affari Regionali, Francesco Boccia, secondo il quale una delle cause della mancata stipulazione dell’intesa fra governo e regioni dovrebbe essere ricondotta all’assenza di una risposta da parte delle Regioni stesse alle eccezioni poste dalle amministrazioni centrali nel corso del negoziato. Fermi restando infatti i nodi politici della trattativa, che, appunto, solo in sede politica potevano essere sciolti, la Regione del Veneto tra la fine del 2018 e il 2019 ha partecipato a circa 35 incontri tecnici di approfondimento nelle diverse materie interessate dal progetto autonomistico. A testimonianza del costante approccio fattivo della Regione, sempre improntato ad instaurare un positivo dialogo con i Ministeri che hanno acconsentito di addivenire a un confronto, vi sono tutti gli scambi avvenuti con il Dipartimento Affari Regionali, da cui emerge con palese evidenza la volontà della Regione di giungere ad un testo condiviso, anche aprendo alla modifica della formulazione delle originarie richieste in vista del raggiungimento di una posizione comune».

(ph: imagoeconomica)

Tags: