Il campionato delle curve: Vicenza top, Chievo flop

A un mese dall’inizio del campionato è tempo di bilanci per le squadre venete in Serie B e C. Oltre ai risultati sportivi, si guarda anche agli abbonamenti. Come riporta La Gazzetta dello Sport, l’LR Vicenza ha raggiunto finora quota 7300, vicina al record di 7721 dell’anno scorso. Numeri impressionanti per una squadra di Serie C, che attestano la fiducia nel progetto di Renzo Rosso e, da quest’anno, di mister Mimmo Di Carlo.

Per quanto riguarda le altre venete, spicca il dato negativo del Chievo, su cui pesa senz’altro la retrocessione dalla Serie A alla Serie B: gli abbonamenti in un anno si sono ridotti di quasi un terzo, da 9075 a 3212. Il Venezia di Joe Tacopina con 2008 tessere fa segnare un aumento rispetto alle 1830 dello scorso anno. Il Cittadella conferma il trend positivo che ha portato a un aumento del 70% negli ultimi tre anni e a due giorni dalla chiusura della campagna sfiora il record delle 3 mila tessere attestandosi per ora sulle 2962.

Il Padova con 3550 tessere segna un calo rispetto alle 5269 dell’anno scorso, ma negli ultimi giorni punta sull’abbonamento speciale dedicato alle famiglie. La Virtus Verona, con 230 abbonati per uno stadio da 1500 posti, conferma l’attaccamento alla squadra da parte dei residenti del quartiere Borgo Venezia. Infine la cenerentola Arzignano ha chiuso la campagna con 118 tessere, numero tutto sommato in linea con le aspettative, considerando che dovrà giocare le partite casalinghe “in trasferta” al Menti. (t.d.b.)

(Ph. Wikipedia)